Igiene dentale

L’ Igiene Dentale professionale, spesso indicata come pulizia dei denti, è la branca dell’odontoiatria che si occupa della prevenzione di tutte le patologie del cavo orale mediante terapie e trattamenti quali: detartrasi, diagnosi di igiene dentale, applicazioni di fluoro e desensibilizzanti, istruzioni di tecniche di igiene, indicazioni alimentari e prescrizione di collutori e presidi di igiene domiciliare consigliati dall’igienista dentale.

Il tutto viene svolto dall’ Igienista Dentale che è un professionista, il quale in seguito a laurea triennale veste i panni di educatore e clinico che tramite attività inseparabili e sovrapponibili quali servizi terapeutici, preventivi ed educativi tutela la salute del cavo orale e fornisce così un benessere generale.

L’ Igiene dentale è una pratica prevalentemente di tipo estetico e richiedendo una visita dal Medico Dentista è possibile prendere appuntamento per uno dei trattamenti più diffusi negli ultimi anni dall’Igienista Dentale, ovvero, lo sbiancamento dentale.

Cos’è lo sbiancamento dentale?

Schiarire i denti ingialliti a causa dell’abuso di caffè e sigarette per avere un aspetto più curato e gradevole è una possibilità alla portata di tutti, l’importante è affidarsi sempre a mani esperte e consapevoli del proprio Medico Dentista.

Per effettuare uno sbiancamento dei denti che sia davvero efficace ci si deve rivolgere al proprio Medico Dentista di fiducia qualificato e specializzato in questa pratica, il quale sarà in grado di proporre soluzioni dal costo variabile, adatte per ogni singolo caso e nel rispetto generale della salute dell’individuo che si sottopone alle cure.

Come norma generale in Igiene Dentale è per esempio sconsigliato schiarire i denti in presenza di capsule dentarie, poiché dopo il trattamento si vedrebbe la differenza di colore tra i denti non naturali e quelli che invece hanno subito il trattamento.

In Igiene Dentale uno sbiancamento dei denti professionale può essere eseguito sia a domicilio che nello studio del Medico Dentista, esistono comunque anche confezioni in commercio che promettono di dare gli stessi risultati e che hanno un costo molto basso: dentifrici, kit con gel da usare insieme, fascette sbiancanti.

Utilizzando questi dispositivi però non si arriverà mai ad avere lo stesso identico risultato soddisfacente che si avrà da un trattamento di Igiene Dentale eseguito presso il proprio Medico Dentista.

Ablazione del tartaro cos’è?

L’ablazione del tartaro o detartrasi consiste nella rimozione meccanica dei depositi di tartaro sui denti utilizzando uno strumento ad ultrasuoni (ablatore) e degli strumenti manuali. 

Lo scopo di tale trattamento di Igiene dentale è rimuovere gli agenti eziologici che causano infiammazione.

L’operazione viene compiuta da un Medico Dentista o da un igienista dentale sulla parte dei denti esposta, ma anche sulla porzione normalmente coperta dalle gengive nella parte in cui queste non sono aderenti al dente.

La detartrasi è una tecnica di prevenzione della carie utilizzata in Igiene Dentale, perciò andrebbe effettuata con regolarità.

La frequenza delle sedute di detartrasi è stabilita sul singolo paziente dal Medico Dentista, a seconda della disposizione dei denti, dell’igiene personale, dello stato di salute delle gengive, e da fattori predisponenti l’insorgenza del tartaro che sono individuali.

Normalmente, per i pazienti con una perfetta salute del cavo orale, le sedute dal Medico Dentista avvengono ogni 6 mesi.

La disposizione dei denti influisce sulla formazione del tartaro: denti affollati, malposti, creano delle zone difficili da detergere con lo spazzolino e con tutti gli altri strumenti di igiene, e per questo motivo in queste persone la formazione di tartaro avviene più rapidamente che in altri.

Le abitudini dell’individuo incidono sulla formazione di tartaro: i denti andrebbero lavati 3 volte al giorno, dopo ogni pasto, e se questo non avviene con regolarità la formazione di tartaro è accelerata. Uno stato di salute non ottimale delle gengive impone sedute di Igiene Dentale più frequenti, per evitare che il tartaro aggravi la parodontopatia.

Cosa è consigliabile fare per prevenire la formazione della carie?

In Igiene dentale è consigliabile dal Medico Dentista di seguire i seguenti punti.

  • Igiene Dentale (orale): è importante rimuovere la placca batterica attraverso l’uso corretto dello spazzolino e del filo interdentale, può essere utile l’utilizzo delle pasticche rivelatrici di placca;
  • Alimentazione: evitare snacks frequenti con cibi dolci (caramelle, miele, marmellata, cioccolata, ecc.) per ridurre gli zuccheri;
  • Fluoro: il fluoro è un minerale in grado di rinforzare i denti, lo assumiamo normalmente attraverso l’acqua e alcuni alimenti (pesce, te, ecc.), possiamo effettuare applicazioni locali con l’uso di dentifrici e collutori specifici e trattamenti di fluoroprofilassi nello studio del Medico Dentista;
  • Sigillature: la sigillatura consiste nell’applicazione di una resina nei solchi troppo profondi presenti sulla superficie masticatoria dei denti posteriori dove il rischio di carie è maggiore;
  • Controlli periodici: effettuare controlli periodici e il richiamo di ablazione del tartaro dal Medico Dentista.

Prenota ora la tua seduta

    Ho letto e accetto l'informativa sulla Privacy Policy